venerdì 12 luglio 2013

VIVA L'ANTIQUARIATO!





Quando ero alle elementari, se non prima, qualche parente (nonna? mamma? zia?) aprì un libretto di risparmio a mio nome. Nel momento in cui me lo diedero fui molto felice. Le poche lirette in banca, messe nero su bianco, sembravano più grandi di quello che erano. Poi il tempo è passato, i peli e altre cose sono cresciute (i risparmi mica tanto), la tecnologia ha portato bancomat, carte di credito e altri gadget. La magia della carta, in qualche modo, se n'è andata.

Oggi ho aperto un conto bancario qui in Giappone, all'ufficio postale. Prima sono stato tramortito da una Grande Sorpresa: in Giappone le banche, anziché ciucciarmi il sangue con continui balzelli su questo & su quello, mi DANNO soldi (interessi) sul mio deposito!!!! Fantascienza o antiquariato, in ogni caso mi sembra un'ottima notizia.
Poi, sorpresa n°2, anziché un pezzo di plastica, in cambio del mio primo deposito (simbolico; non vi preoccupate, non sono diventato ricco, non corro rischi), mi hanno dato un LIBRETTO DI RISPARMIO! DI CARTA!
Eccolo allegato. Un piccolo capolavoro, direi, impreziosito anche dal fatto di aver frantumato il mio nome nell'intestazione sulla copertina:
SCOZZARI P
IETRO
L'impiegata, gentilissima, si è preoccupata perché la fascia superiore del libretto è rosa. Mi ha chiesto cento volte se ero sicuro di quel colore. Poi, per celebrare il nuovo cliente (muà), la banca/ufficio postale mi ha regalato un pacchetto di fazzoletti di carta e una scatolina con cerotti 'World Flags', le Bandiere del Mondo. Al suo interno: quella italiana, quella russa, quella brasiliana, quella franzosa e quella indiana.



Con i fazzoletti mi sto asciugando le lacrime per l'emozione. I cerotti li userò al primo incidente internazionale.
GRANDE GIAPPONE!



Nessun commento:

Posta un commento